30 anni del Club Italiano Panhard

Il primo raduno italiano Panhard si è svolto a Roma il 14 Settembre 1985, nella splendida cornice del Pincio. Dopo il ritrovo mattutino, il gruppo ha percorso il tragitto Roma-Tivoli, città in cui si è tenuto un pranzo sociale a termine del quale è stato formalmente costituito il Club Italiano Panhard e sottoscritto il primo Statuto.
Per festeggiare i 30 anni del nostro sodalizio verranno organizzati in settembre un raduno al nord ed uno al centro Italia.

26° Raduno Internazionale Panhard

Novara, Italia | 13-16 maggio 2016

www.ripl2016.eu

26/09/2016
LIBRO RADUNO INTERNAZIONALE PANHARD & LEVASSOR 2016

E' da oggi disponibile il nuovo libro del Raduno Internazionale Panhard & Levassor 2016:

108 Pagine tutte a colori

Formato A4 orizzontale

per richiederlo scrivete alla mail del club o telefonate ai numeri visibili nella sezione Contatti.


17/05/2016
SI E' CONCLUSO IL RADUNO INTERNAZIONALE PANHARD & LEVASSOR

Il riscontro da parte del popolo panhardista di tutta europa è stato davvero inaspettato: 125 autovetture Panhard con oltre 270 partecipanti provenienti oltre che dall’Italia da Francia, Olanda, Germania, Svezia, Belgio, Gran Bretagna, Lussemburgo, Austria, Svizzera e addirittura due amici dal Sud Africa, senza però auto al seguito.

Per quanto riguarda gli italiani segnaliamo il coraggioso Domenico Graziano di Bagheria (Palermo) che è intervenuto al raduno con la sua Panhard 24 BT appena restaurata dopo un viaggio in nave e su strada da Genova. Da menzionare anche i soci Pisano e Petrignani dalla Romagna con le loro Panhard 24 e dalle Marche il dott. Sciarrilo con la sua splendida e unica Panhard Dyna X86 Barchetta Crepaldi carrozzata Allemano del 1953.
Il Presidente del Club Sassi Giuseppe è intervenuto con la sua Panhard PL17 giallo giunchiglia del 1959 che ha solcato le vie cittadine fin dai primi anni 60 e il figlio Claudio, che ha partecipato con una ammiratissima PL17 bicolore del 1960 conservata (omologata ASI).
A rappresentare i soci di Roma era presente il Past President e fondatore del Club, Ing. Gaetano Montebelli con la moglie.

Da segnalare la “Spedizione Annibale 2016”, come l’hanno soprannominata gli amici olandesi: una carovana di Panhard partita domenica 8 maggio da Utrecht alla volta dell’Italia con una decina di vetture. Durante il tragitto si sono aggiunte altre Panhard da Germania e Francia. Nella mattinata di venerdi 13 hanno attraversato il passo del Sempione, dove una delegazione del Club Italiano Panhard e dell’Autoamatori Club Novara ha accolto gli equipaggi per scattare alcune fotografie insieme sotto la neve. Altri gruppi organizzati di Panhard hanno solcato le strade europee entrando nel nostro paese dal Brennero, dal Piccolo San Bernardo, dal Gottardo, dal Monte Bianco e dal Frejus.

Venerdi 13 nel pomeriggio è iniziato l’arrivo delle prime vetture al villaggio di Novarello, una bellissima struttura immersa nel verde con hotel 4 stelle, laghetto e ristorante che ha ospitato gli equipaggi per i 4 giorni di manifestazione.
Le operazioni di punzonatura delle vetture si sono svolte in maniera semplice, con i partecipanti affascinati dall’atmosfera elegante e allo stesso tempo conviviale della struttura.
La mattina di sabato la carovana si è trasferita da Novarello alla piazza del castello di Galliate dove le autovetture e gli equipaggi sono stati accolti dagli amidi del Motoclub Achille Varzi.
Visita al castello visconteo e al Museo del pilota galliatese e quindi trasferimento a Borgoticino per il pranzo dove le vetture sono state accolte dal Club amici della 500.
Giusto il tempo di rifocillarsi e ancora in vettura fino al Lago Maggiore: un bellissimo giro sul lungolago ci conduce fino alla imponente Villa Pallavicino di Stresa, che anche grazie al tempo splendido è stata molto apprezzata da tutti i partecipanti.
Alcune Panhard sono state portate proprio nel piazzale antistante la villa, mentre le altre nel parcheggio esterno proprio sul lago, così da permetterci di realizzare alcune fotografie molto suggestive.
Al termine della visita del parco, al cui interno abbiamo potuto ammirare diverse specie animali particolari tra cui Cicogne, canguri, pavoni, pappagalli esotici e scoiattoli, il gruppo Panhard ha proseguito sul lungolago in direzione Stresa per sfilare accanto ai grandi e famosi hotel della cittadina novarese, con centinaia di persone a bordo strada ad applaudire vetture ed equipaggi.
Al rientro a Novarello per la cena abbiamo trovato moltissimi appassionati ad attendere le vetture all’interno della struttura per godersi un po’ di questo panorama motoristico che per la prima volta è stato così numeroso nel nostro paese.
Domenica mattina presso il salone dei congressi di Novarello si è tenuta una conferenza sulle nuove tecnologie di rinnovamento degli alberi motore Panhard con i relatori olandesi Peter Drijver e Peter Breed in videoconferenza con Mike Crane dalla Gran Bretagna.
Nel piazzale esterno invece si è tenuto il consueto mercatino Panhard con centinaia di appassionati intervenuti appositamente per cercare i rari pezzi di ricambio per le loro vetture.
In tarda mattinata trasferimento nel bellissimo prato adiacente il Santuario del Varallino di Galliate, dove le vetture sono state esposte per qualche ora mentre gli equipaggi consumavano il pranzo.
Il pomeriggio della domenica è stato dedicato all’evento clou della manifestazione: nella splendida cornice della piazza principale della città di Novara interamente riservata alla nostra manifestazione, si sono affiancate oltre 120 Panhard e una trentina di vetture di prestigio di varie marche nazionali ed estere. La banda di Caltignaga ha accolto le vetture con gli inni nazionali italiano, francese e dell’Unione Europea, oltre a musiche ben conosciute che hanno richiamato l’attenzione di centinaia di passanti e curiosi che si sono assiepati ai lati della passerella.
Ha inizio così il concorso di eleganza, con le vetture annunciate una ad una dallo speaker d’eccezione Marco Graziano, giornalista di Mediaset che ha anche intervistato i “driver” chiedendo particolarità dell’auto e informazioni sulla provenienza dell’equipaggio.
Anche il presidente dell’Autoamatori Club Novara Peppino Leonetti con il Presidente Onorario Nello D’Addio e alcuni soci dell’ACN hanno partecipato alla sfilata con una trentina delle più prestigiose autovetture in circolazione sul territorio locale.

Alcune personalità di spicco del mondo Panhard erano presenti al raduno tra cui segnaliamo Benjamin Clappier, presidente della Federation des Clubs Panhard & Levassor, Yves Derrien, presidente del più numeroso club Panhard del mondo e anche altri presidenti dei Club europei tra cui Svezia, Germania, Svizzera, Gran Bretagna, Austria.
Presenti anche il Sindaco Andrea Ballarè e l'Assessore allo Sport del Comune di Novara Rossano Pirovano che al termine della manifestazione hanno premiato gli equipaggi. Per quanto riguarda la classifica delle autovetture Panhard il primo premio va a Moldenhauer Eberhard dalla Germania su Panhard X66 6DS del 1932 quale vincitore del concorso di eleganza, al secondo posto André Ros dall'Olanda su DB Le Mans del 1961 e al terzo posto il francese Laplaud Paul Michel su DB HBR5 Mille Miglia del 1956.
Al concorso di Eleganza riservato alle autovetture non Panhard, primo posto per il Presidente onorario ACN Nello D'Addio su Fiat 1100BLT, secondo posto per Marco Trivi su Fiat 1100 Special e terzo posto per Roberto Galliani su Alfa Romeo 2000.

Abbiamo anche avuto l’onore e il piacere di veder sfilare Maurice Martin, classe 1919, vincitore del Rally di Montecarlo 1961 su Panhard PL17, al quale il Club Panhard ha consegnato un premio speciale che è risultato molto gradito dall’arzillo pilota francese.
Un altro premio speciale è stato consegnato ad Annè Delagarde, ultra ottantenne figlia dell’ing. Delagarde progettista del famoso bicilindrico Panhard che ha spinto con strepitoso successo le vetture transalpine alle oltre 1700 vittorie in competizioni ufficiali.
Madame Delagarde è giunta in Italia al volante della sua Panhard CD (vettura in vetroresina di cui ne sono stati costruiti solo 159 esemplari), con la quale ha percorso oltre 400.000 km da quando l’ha acquistata nuova dal concessionario nel 1965.

La manifestazione si è conclusa con la cena di gala della domenica, con il passaggio ufficiale del Trofeo Panhard dal Presidente del Club Italiano Sassi Giuseppe a J. M. Simon, presidente del Club Panhard Deutschland, organizzatore del prossimo RIPL 2017. 

Per noi che siamo un piccolo club e normalmente organizziamo delle piccole uscite tra amici con al massimo una ventina di vetture, è stata una grande occasione per farci conoscere nel panorama internazionale e siamo molto felici di come tutto sia stato gradito e apprezzato dai partecipanti.
Abbiamo ricevuto decine di mail di complimenti e congratulazioni e questo ci ha fatto molto piacere, visto l’impegno profuso per l’organizzazione dell’evento che ha richiesto più di un anno di preparativi.

12/05/2016
BENVENUTI A NOVARA AL RADUNO INTERNAZIONALE PANHARD 2016

Diamo il benvenuto a Novara a tutti gli equipaggi che da ogni parte d'Europa si ritrovano nella città Piemontese dal 13 al 16 maggio per il raduno annuale Panhard & Levassor.

Alcuni amici sono già arrivati e altri stanno per arrivare.

Ci auguriamo che il tempo sia clemente e vi aspettiamo tutti per salutare gli amici italiani e stranieri che in centinaia hanno aderito al nostro invito per questo raduno: 150 vetture, 270 persone.

Benvenuti a Novara dal Club Italiano Panhard


01/04/2016
CHIUSURA ISCRIZIONI RADUNO INTERNAZIONALE PANHARD & LEVASSOR

Con il 1 Aprile si sono chiuse le iscrizioni al Raduno Internazionale Panhard & Levassor che si svolgerà a Novara dal 13 al 16 maggio 2016. Grandissima affluenza al nostro evento novarese con 248 partecipanti e 129 vetture iscritte. 

Adesso la macchina organizzativa farà il resto per cercare di rendere questo week end piacevole e divertente per tutti.

13/03/2016
IL CLUB ITALIANO PANHARD A MILANO AUTOCLASSICA 2016

Per il terzo anno consecutivo il Club Italiano Panhard ha partecipato all'importante rassegna milanese destinata alle auto d'epoca e di prestigio Milano Autoclassica. Le due vetture esposte, una Dyna X86 barchetta Crepaldi del 1952 e una CD del 1963 sono state ammirate da tutti i passanti e hanno suscitato curiosità e stupore.

La rassegna è stata come sempre un'ottima occasione per far conoscere sempre più il marchio Panhard, in particolare in questo 2016, con il festeggiamento per i 125 anni della nascita dell'industria automobilistica.

Panhard Speciali

Negli anni 50 erano centinaia nel mondo i piccoli carrozzieri che realizzavano autovetture fuoriserie in pochi esemplari o addirittura in esemplare unico. Queste autovetture erano realizzate per partecipare a gare storiche come la Mille Miglia o su espressa richiesta di qualche persona.

Ricordi e Restauri

In questa sezione le storie dei restauri delle Panhard dei soci del Club e i ricordi indelebili di chi la Panhard l'ha vissuta in passato.

Raduni

Alcuni dei principali raduni organizzati dal Club Italiano Panhard e altri a cui i nostri soci hanno partecipato nel corso degli anni.